La focaccia è la merenda per eccellenza dei baresi. Si può gustare in ogni momento della giornata, è un aperitivo decisamente sfizioso, ma può anche sostituire il pranzo o la cena. La particolarità di questa focaccia sta nel suo impasto e nella sua farcitura. La base viene infatti ottenuta con semola, patate lesse, sale, lievito e acqua. Nella versione più tradizionale viene condita con pomodori, olio extravergine di oliva, origano e olive baresane. Esistono alcune varianti della ricetta tipica. Spostandosi nei comuni della provincia di Bari, la ricetta si differenzia nel territorio da paese a paese, da famiglia a famiglia, da cucina a cucina. Il gusto però è unico: squisito. Qui vi indichiamo la ricetta della nostra nonna di redazione, Teresa, che è nata e vissuta a Bari Vecchia.  

INGREDIENTI 

  • 350 g di farina di grano tenero
  • 300 g di semola rimacinata
  • 300 ml circa di acqua tiepida
  • mezzo cubetto di lievito naturale (se fa freddo usarlo intero)
  • olio extravergine di oliva
  • sale fino
  • una patata di media grandezza bollita e schiacciata
  • origano
  • olive baresane
  • pomodorini
_
_
Preparazione dell’impasto 

Dopo aver lessato una patata e averla lasciata intiepidire, unire le farine, il sale fino, il lievito precedentemente sciolto e l’olio extravergine di oliva. Impastare bene ed energicamente aggiungendo l’acqua tiepida, lentamente. Una volta ottenuto un impasto non troppo solido ponetelo e spianatelo in una teglia unta. Dopo aver coperto la teglia con un panno, lasciate lievitare per circa un’ora, fino a quando il volume dell’impasto non raddoppia.

Farcitura

Passato il tempo necessario per la lievitazione dell’impasto, cospargete la superficie della focaccia di pomodori tagliati a pezzettini e scolati, olive, origano e sale. Condite generosamente con olio extravergine di oliva e infornate a 200° C per circa 30 minuti. La focaccia è ottima appena sfornata, calda e croccante. Può essere gustata da sola o farcita con mortadella e provolone. Mentre si mangia occorre stare attenti alle olive, volendo si possono anche preventivamente snocciolare.